Cronache da un paese spaccato in due: tredici dati sulle elezioni USA 2020

Aspettando i dati definitivi (semicit.), una selezione dei numeri più interessanti dagli Exit Poll Edison/New York Times

1. Un unico fatto, due realtà parallele: sulle capacità di gestione della pandemia (e sull’uso della mascherina) assistiamo a una spaccatura quasi drammatica nelle valutazioni

Image for post
Image for post
Image for post
Image for post

2. A ciascuno il suo frame: gli elettori di Biden ritengono cruciale la lotta al Covid-19 (inclusa la sicurezza sanitaria) e alle diseguaglianze razziali, gli elettori di Trump ritengono prioritaria l’economia e la “dottrina” Law and Order

3. La valutazione su Donald Trump è stata la principale leva di voto sia per i repubblicani sia per i democratici

Image for post
Image for post

4. Biden fa molto meglio di Trump tra chi non è andato a votare quattro anni fa (e questa potrebbe essere la chiave di volta)

Image for post
Image for post

5. Contrariamente a una vulgata molto popolare, Trump perde tra i meno abbienti e vince tra i più ricchi

Image for post
Image for post

6. Il razzismo e il cambiamento climatico? Per gli elettori repubblicani non sono questi grandi problemi (mentre il diritto all’aborto lo è)

Image for post
Image for post
Image for post
Image for post

7. Il conteggio dei voti è “truccato”? Sì, secondo i repubblicani (e lo pensavano prima ancora che la giornata di oggi andasse come è andata)

8. I “cristiani radicali” (bianchi) hanno votato Trump in massa

Image for post
Image for post

9. A differenza dell’Italia degli ultimi tempi, non esiste una correlazione inversa tra titolo di studio e orientamento di voto: negli Stati Uniti i ceti meno istruiti hanno preferito il candidato democratico

Image for post
Image for post

10. Trump è preferito tra le persone sposate (vai a capire…)

Image for post
Image for post

11. Biden stravince tra gli under 30 (e questo è un dato che fa ben sperare i democratici anche per il futuro)

Image for post
Image for post

12. Nonostante i rapporti non proprio idilliaci tra Trump e i vertici militari, il candidato repubblicano ha vinto tra chi ha fatto parte o fa parte delle Forze Armate

Image for post
Image for post

13. Nell’ultima settimana, la campagna elettorale di Trump ha funzionato meglio di quella di Biden

Image for post
Image for post

(Fonte di tutte le tabelle: New York Times)

Written by

Socio, comunicatore politico e pianificatore strategico dell’agenzia di comunicazione Proforma (www.proformaweb.it)

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store